Comunità Montana Alta Valle Brembana Stemma della comunità Montana
  • Danza macabra Cassiglio Danza macabra Cassiglio
  • Rifugio Benigni Rifugio Benigni
  • Brembilla Brembilla
  • Camerata Cornello Camerata Cornello
  • Blello Blello

Salta il menu

Museo Etnografico di Valtorta

icona per la stampa della pagina

Il Museo Etnografico Alta Valle Brembana di Valtorta è nato e si è sviluppato con questo preciso intento: riscoprire e conservare il passato, valorizzare e trasmettere alle nuove generazioni le testimonianze di una civiltà e di una cultura.

Una civiltà fatta di segni materiali (i luoghi, le case, i mobili, gli arredi, gli affreschi, gli strumenti di lavoro) ma anche e soprattutto di valori: quelli della fatica quotidiana, di una laboriosità pregna di ingegno e pazienza, di una fede genuina, di una semplicità e di una sobrietà di vita oggi del tutto inimmaginabili. Un Museo insomma attraverso cui esprimere l'essenza profonda della storia umana e sociale dell'Alta Valle Brembana.

Ed è sicuramente in risposta a questa ispirazione che l'idea del Museo, coltivata a metà degli anni settanta dal sindaco di Valtorta Pietro Busi e dall'allora parroco don Angelo Longaretti, ha trovato una piena e convinta adesione da parte degli abitanti del paese e dell'intera Alta Valle che non hanno esitato a rovistare centinaia di soffitte e scantinati per fornire una prima dotazione di centinaia e centinaia di oggetti e testimonianze delle più svariate epoche. Né poteva essere individuata sede migliore di quella Casa della Pretura che il Comune provvide ad acquistare e restaurare, rendendo i vari ambienti idonei alla funzione museale.

Da allora l'Eco-Museo etnografico è diventato una creatura viva, non solo come ricostruzione completa e accurata; della casa, degli ambienti, degli oggetti del passato, ma anche come perno di un vero e proprio sistema museale che si allarga a tutti i luoghi storici del territorio: la Chiesa della Torre con preziosi affreschi che decorano le pareti, i dipinti murali che adornano le 43 tribuline poste ai crocicchi di antiche mulattiere, gli affreschi esterni, il mulino, il maglio mulino, le miniere, le fucine e la segheria, un tempo cardini dell'economia locale e la torredell'orologio.

 

Orari:

Da Martedì a Domenica: 10,00 - 12,00 e 14,30 - 17,30  (chiuso lunedì - agosto sempre aperto)

Per la visita al Museo nel periodo da settembre a luglio, è necessario rivolgersi al custode che abita a fianco della sede (tel 0345 87847).

 

Costi:

Comitive (min. 10 persone): € 2,00 Cad.

Bambini fino a 14 anni : € 2,00 Cad.

Adulti: € 2,50 Cad.

 

Per visite organizzate con gruppi o comitive, è necessario rivolgersi al Comune: tel. 0345 87713 - fax 0345 20808